Posts Tagged ‘liguria’
LIGURIA: Web sicuro, i vincitori in mostra

Rap, videoclip, calendari e fumetti per combattere pedofili, stalker, bulli e virus. Per idee, originalità e abilità tecnica sono stati premiati all’auditorium del Carlo Felice i tre video vincitori del concorso “Internet: navigare sicuri”, indetto dal Corecom Liguria (Comitato regionale per le comunicazioni) per sensibilizzare i ragazzi sui pericoli che si possono incontrare in rete. Le classi che hanno vinto il concorso, a cui hanno partecipato gli alunni delle scuole medie inferiori della Liguria, sono: la III A dell’Istituto statale Arcola – Ameglia di La Spezia, la III C dell’Istituto statale Arma di Taggia di Imperia e la III A dell’Istituto Emiliani scuola media di Genova, i cui studenti hanno ricevuto in premio un notebook ciascuno.

Gli alunni della III C dell’Istituto statale San Teodoro di Genova e la III A dell’Istituto statale di Cogoleto hanno ricevuto una menzione speciale della giuria per una canzone rap e un calendario.

Al concorso hanno partecipato studenti da tutta la Liguria, realizzando complessivamente 56 campagne di sensibilizzazione sui pericoli del web adottando diverse forme espressive. Una giuria di esperti ha valutato le opere scegliendo i vincitori delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado di tutta la Liguria. La commissione del concorso era composta da: Matteo Ridolfi del Corecom, presidente, e, in qualità di componenti, Mariapina Acquarone dell’Ufficio scolastico regionale, Orietta Bonanni dell’ordine dei giornalisti, Anna Piras dell’ordine degli psicologi e Roberto Surlinelli della polizia postale e delle comunicazioni.

Alla premiazione erano presenti, tra gli altri, Matteo Ridolfi del Corecom, l’assessore regionale allo sport Gabriele Cascino e l’assessore all’istruzione Sergio Rossetti.

I lavori saranno esposti dal 23 al 27 maggio nello spazio incontri della Regione Liguria in piazza De Ferrari, poi la mostra proseguirà nella sede del Corecom, in via D’Annunzio 44, a Genova.

Fonte: www.sevenpress.com

 
LIGURIA – Presentata la ricerca sulla presenza femminile in televisione

Venerdì 8 aprile alle 9.30, nella biblioteca del Consiglio regionale (via D’Annunzio 38 – Genova), sono stati presentati i risultati di una ricerca sulla rappresentazione femminile nella tv privata locale. La ricerca ha analizzato, per una settimana campione (dal 20 al 26 settembre 2010), televendite, telegiornali e programmi di informazione di sette emittenti televisive liguri: Primocanale, Tele Liguria Sud, Telecity, Telegenova, Teleliguria, Telenord, eleradiopace TV, comparando la rappresentazione televisiva femminile con quella maschile.

L’indagine, commissionata dal Comitato regionale per le Comunicazioni della Liguria , è stata curata dall’Osservatorio di Pavia Media Research.

I risultati della ricerca, illustrati dalla Dott.ssa Monia Azzalini, dell’Osservatorio di Pavia  evidenziano che nelle tv locali le donne sono rappresentate, sia a livello professionale, sia rispetto ai contenuti legati a tematiche del mondo femminile, in maniera sostanzialmente inferiore rispetto agli uomini.

In particolare nelle televendite è evidente il ruolo marginale riservato alle donne, che hanno il ruolo di testimoni o modelle nel 57,3% dei casi, mentre la funzione di esperto è a totale appannaggio maschile. La conduzione registra un “apparente” equilibrio di genere: le donne rappresentano il 51,1% dei conduttori di televendite in video e il 39,1% delle voci fuori campo. Nel 18,2% le televendite sono rivolte soltanto a donne, mentre nel 6,8% esclusivamente agli uomini, nonostante nell’88,6% vendano prodotti destinati a entrambi i generi. In particolare, le donne sono le destinatarie del 60% delle televendite di prodotti per il fitness e il dimagrimento, con un’ampia diffusione di stereotipi ad azione rinforzante (29,5%).

Nei telegiornali la situazione migliora: la conduzione è affidata per il 39,7% dei casi a giornaliste. Si tratta di una percentuale rilevante, sebbene al di sotto di quelle registrate da altre ricerche più recenti, che si attestano invece al 50%. Le notizie curate da giornaliste donne sono il 30,9%, circa un terzo del campione analizzato. Le donne si occupano soprattutto di scienza e salute, di questioni sociali e legali e di economia, ma la politica è ancora appannaggio dei colleghi maschi. Alle donne, poi, è affidata soprattutto l’informazione locale, mentre a seguire le questioni di carattere nazionale e internazionale sono soprattutto giornalisti di sesso maschile. Solo nel 19,2% dei casi le donne fanno notizia nelle tv locali e quando accade sono vittime (15,4% contro il 6,8% dei casi maschili).

È di sesso femminile il 50% dei soggetti intervistati come espressione dell’opinione popolare, l’87,5% dei bambini, il 66,7% delle casalinghe/genitori, il 53,7% degli abitanti di paese. L’unica categoria professionale in cui prevalgono, per rappresentanza, le donne è quella degli accademici/educatori/insegnanti (51,2%).

Gli uomini sono più spesso protagonisti (82,3%) o esperti (79,3%) e rappresentano in maniera assai eterogenea tutte le diverse categorie professionali, specialmente quelle che godono di una maggior visibilità: politici (85,4% su 466), rappresentanti di associazioni, incluse quelle sindacali (81,5% su 178), affaristi, economisti, imprenditori (87,4% su 159), sportivi, atleti (95,5% su 110).

Scarsa l’attenzione per le tematiche di genere nelle tv locali, secondo i dati della ricerca: nel corso della settimana monitorata, le tv liguri hanno dedicato solo quattro notizie (su 889 complessivamente registrate) a tematiche pertinenti politiche o normative volte a favorire le pari opportunità di genere in termini percentuali lo 0,4%. Le questioni di uguaglianza o disuguaglianza sono risultate pressoché assenti, riguardando solo l’1,2% dell’informazione, così come notizie di sfida a qualche stereotipo di genere.

Quanto alla presenza di donne nei programmi di informazione, i risultati dimostrano una chiusura maggiore rispetto ai notiziari. Su 852 ospiti o intervistati in esterna solo il 16,3% è di sesso femminile: in sintesi, questo vuol dire meno di una donna ogni cinque uomini.

In questi programmi è poca l’attenzione alle questioni di genere, registrata solo in tre trasmissioni su 148, pari al 2% della programmazione analizzata.

Le conduttrici rappresentano circa un terzo del campione e, nella maggior parte dei casi (40,4%), conducono programmi sportivi – come i colleghi maschi, anche se in quota minore – poi talk show (22,8%), rubriche di approfondimento (14%), programmi d’attualità (10,5%). In questi ultimi tre generi televisivi, la loro concentrazione prevale rispetto a quella maschile, più distribuita su tutti i generi televisivi, laddove le donne, invece, risultano assenti nella conduzione di alcuni format.

Scarica la ricerca

 
LIGURIA – Concorso Internet: Navigare sicuri
bambini_internet_390

Il Comitato Regionale per le Comunicazioni, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Liguria, ha bandito il concorso ”Internet: navigare sicuri”. Il concorso intende promuovere l’interesse dei minori alle problematiche inerenti i pericoli della navigazione in internet.

 
Possono partecipare al concorso le classi terze, della scuola secondaria di primo grado, delle province di Genova, Imperia, Savona, La Spezia, presentando al Co.Re.Com., attraverso un Docente Referente della classe, uno o più progetti originali, consistenti in: uno slogan, una proposta di spot pubblicitario , un disegno (o un fumetto), un filmato, un testo audio, o ogni altro elaborato che abbia come unica caratteristica quella di sensibilizzare i propri coetanei ai pericoli della navigazione in internet.

Ogni progetto dovrà essere inviato, in busta chiusa, al seguente indirizzo: Co.Re.Com. Liguria – Via G. d’Annunzio 44 – 16121 GENOVA, entro le ore 12.00 del 31 gennaio 2010.
La Commissione di concorso dichiarerà vincitori i tre progetti che, in maniera originale ed efficace, meglio interpreteranno l’obiettivo di promuovere l’interesse dei minori alle problematiche inerenti i pericoli della navigazione in internet.

Il premio consisterà in un notebook, individuato per marca e tipologia dal Co.Re.Com., da consegnare ad ogni alunno delle classi presentatrici dei progetti dichiarati vincitori dalla Commissione di concorso.
Copia del Bando di concorso e della Scheda di partecipazione sono reperibili sulle pagine del Co.Re.Com. sul sito della Regione Liguria: www.regione.liguria.it. Per informazioni è possibile telefonare al seguente numero di telefono: 0105485734 o scrivere al seguente indirizzo e-mail: corecom@regione.liguria.it.

Scarica il comunicato, il bando, la scheda di partecipazione   del CoReCom Liguria