Posts Tagged ‘digitale terrestre’
ABRUZZO – Presidente Lucci: “Preoccupa rinvio switch-off in Abruzzo”

L’AQUILA – Il presidente del Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom) Abruzzo, Filippo Lucci, esprime preoccupazione per la decisione assunta dal tavolo tecnico nazionale per il digitale terrestre, riunitosi presso il ministero dello Sviluppo economico, circa il differimento al primo semestre 2012 dello switch-off nella regione Abruzzo.

L’incertezza di una data precisa per il passaggio in Abruzzo dello swtich-off – sostiene Lucci – potrebbe contribuire a disorientare maggiormente l’intero sistema televisivo locale che si appresta ad organizzare il prossimo palinsesto tra l’insufficienza e la vaghezza delle comunicazioni del ministero“.

Lucci auspica che il Corecom venga coinvolto nei prossimi tavoli tecnici per il digitale “al fine di coadiuvare il ministero e le altre istituzioni locali ad adottare le decisioni meno dolorose per l’emittenza televisiva abruzzese, già duramente colpite dall’attuale grave crisi economica“.

 
ABRUZZO: 1mln di euro per il digitale terrestre

Il Presidente Filippo Lucci ha presentato il bando insieme all’Assessore Di Dalmazio

L’AQUILA – Un bando pubblico per la distribuzione di un milione di euro alle emittenti televisive locali per il passaggio al digitale terrestre. È stato presentato questa mattina all’Auditorium di palazzo Silone presso la sede della Regione Abruzzo.

Grazie alla normativa nazionale in merito, infatti, è possibile erogare contributi in regime “de minimis” per agevolare lo switch off, previsto per il prossimo settembre.

Per l’assessore all’Ambiente e Energia, Mauro Di Dalmazio, “questa delibera, licenziata questa mattina in Giunta, ha molteplici funzionalità e va a dare un sostegno significativo alle realtà televisive abruzzesi“.

Il passaggio al digitale – dice Di Dalmazio – comporta un notevole miglioramento dal punto di vista ambientale, con la riduzione delle onde elettromagnetiche. Inoltre, si potranno migliorare le condizioni tecnologiche e la qualità del servizio delle emittenti radicate nel nostro territorio. Le risorse messe in campo sono significative, parliamo di un milione di euro. Insieme al Co.re.com abbiamo ritenuto essenziale per dare un supporto a tutto il sistema televisivo regionale, riducendo di molto anche l’inquinamento ambientale“.

Per l’Abruzzo ci sarà un doppio contributo – ha spiegato presidente del Corecom Abruzzo, Filippo Lucci – vista la partecipazione della Giunta regionale. Due milioni e 300 mila euro in tutto, tra ministero della Comunicazioni e Regione. Una cifra notevole, se pensiamo che pochissime regioni hanno messo risorse proprie“.

I progetti per il passaggio al digitale verranno finanziati fino al 50 per cento. Una scelta fatta anche per salvaguardare l’informazione locale – ha proseguito Lucci – in un momento in cui diverse regioni hanno visto la chiusure emittenti televisive locali, con la riduzione di posti di lavoro di giornalisti e tecnici”.

Adesso ci aspettiamo – ha concluso – che le televisioni rispettino tutte le regole di tutela dei cittadini, in termini di informazione e di rispetto dei minori. In passato non sempre è stato fatto“.

Al Presidente Lucci arrivano i complimenti di Vincenzo Lanetta, storico titolare di Antenna10. “Finalmente una gestione concreta del Co.re.comha detto – si vede che c’è una conoscenza tecnica delle leggi e del settore televisivo. In questo ultimo anno questo ente ha fatto un salto di qualità senza precedenti“.

 
CALABRIA – DTT: firmato un protocollo d’intesa con Cna e Unione Regionale Artigiani

Il Corecom Calabria ha stipulato un protocollo d’intesa con la Confederazione regionale Artigianato piccola e media impresa (CNA – Regionale) e all’Unione Regionale Artigiani – Casartigiani per la collaborazione in materia impiantistica per la tecnologia Digitale Terrestre.

Garantire una buona ricezione del segnale televisivo su tutto il territorio della regione, scongiurare il rischio che, nell’attuale fase di passaggio dall’analogico al digitale terrestre, una parte della popolazione rimanga senza copertura televisiva, offrire un supporto valido ai cittadini, ha spinto il Corecom alla stipula di questo importante accordo.

Firmatari del protocollo d’intesa l’avvocato e Presidente del Corecom Silvia Gulisano (in foto), Giovanni Laganà (CNA regionale) e Antonio Paladino (Casartigiani regionale).

Entro il primo semestre del 2011, il passaggio al DTT sarà definitivo per le province di Crotone e Cosenza, mentre per le altre province calabresi dovrà concludersi entro la fine dell’anno.

In vista dello “Switch-off”, il Corecom Calabria ed i partner firmatari del protocollo, cercheranno di ovviare, per quanto possibile, alle problematiche che potrebbero emergere, promuovendo iniziative di conoscenza sull’utilizzo delle nuove tecnologie della comunicazione, cercando di garantire ai cittadini massima trasparenza e funzionalità negli interventi.

Una delle maggiori difficoltà operative da fronteggiare in questa fase è rappresentata dal non ottimale adeguamento, a seguito delle innovazioni tecnologiche e tecniche del digitale, degli impianti di ricezione dei singoli consumatori come dei singoli condomini.

Per questo servirà una produttiva collaborazione tra i firmatari dell’accordo, ciascuno per le proprie competenze, con lo scopo di porre le basi di una cooperazione fattuale e produttiva, mettendo a disposizione un valido supporto al cittadino secondo una logica comune di ottimizzazione dei risultati.

La prima fase sarà quella della rilevazione della ricezione del segnale su tutto il territorio regionale. Successivamente si procederà con iniziative in collaborazione con tutti gli enti ed organizzazioni unitamente alle associazioni dei consumatori, per la predisposizione e l’istituzione di un prezziario indicativo per gli interventi finalizzati alla istallazione degli impianti e/o decoder e per la corretta ricezione del segnale.

I principali passaggi programmatici dell’intesa partono dalla predisposizione di un codice etico, impegnativo per la singola impresa. Sarà garantita al cittadino funzionalità e trasparenza nei singoli interventi operati da antennisti qualificati. Inoltre i dipendenti di ogni singola impresa installatrice saranno facilmente riconoscibili grazie ad un apposito cartellino, al fine di evitare eventuali truffe da parte di falsi installatori. Infine verranno attivati dei canali informativi al cittadino, verranno diffusione alcune guide pratiche e verrà attivato un call center a disposizione dei cittadini.

Come spiega la Presidente del Corecom Calabria, Silvia Gulisanouna delle maggiori difficoltà operative da fronteggiare in questa fase è rappresentata dal non ottimale adeguamento, a seguito delle innovazioni tecnologiche e tecniche del digitale, degli impianti di ricezione dei singoli consumatori come dei singoli condomini”.

I partner del protocollo s’impegnano, ciascuno per le proprie competenze, a porre le basi di una cooperazione, mettendo a disposizione risorse e strumenti secondo una logica comune di ottimizzazione dei risultati.

Il primo step – ha spiegato Silvia Gulisano – consisterà nella rilevazione della ricezione del segnale. Si procederà, poi, con iniziative e specifici tavoli tecnici che saranno attivati in collaborazione con tutti gli enti, associazioni ed organizzazioni, concordando, unitamente alle associazioni dei consumatori, la predisposizione e l’istituzione di un prezziario indicativo per gli interventi di installazione degli impianti e dei decoder per la perfetta ricezione della tv digitale terrestre. Per la tutela dei consumatori ho avuto, del resto, una precisa sollecitazione dal Presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico”.