Posts Tagged ‘Corecom Abruzzo’
CORECOM ABRUZZO: stipulato protocollo per il progetto “MEDIUCATION” per l’uso dei media nel sistema scolastico regionale

IMG-20131030-WA0005

 

Teramo, 30 ottobre 2013 ‒ Il rettore dell’ Università degli Studi di Teramo Luciano D’Amico, il presidente della Fondazione Università degli Studi di Teramo Francesco Benigno, il presidente Corecom nazionale Filippo Lucci, il responsabile del progetto Manuel De Nicola, il dirigente generale dell’Ufficio scolastico regionale dell’Abruzzo Ernesto Pellecchia e il delegato del Rettore dell’Università di Chieti-Pescara Giselda Antonelli presentano questa mattina un corso di formazione rivolto ai docenti delle scuole abruzzesi di ogni ordine e grado, finalizzato a sollevare la problematica dell’uso dei media all’interno del sistema scolastico abruzzese.

Il Corso è la prima iniziativa del progetto “Mediucation – edizione pilota”, promosso e finanziato dal Corecom Abruzzo e realizzato dalla Fondazione Università degli Studi di Teramo in partenariato con l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Abruzzo, l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara e l’Università degli Studi di Teramo.

Il corso si pone l’obiettivo di trasferire conoscenze e sperimentare strategie e strumenti operativi per la media education, per diffondere nel sistema scolastico abruzzese la necessaria consapevolezza sugli effetti dell’uso dei media da parte dei minori e per far emergere e valorizzare le buone prassi già sperimentate nel sistema scolastico regionale in tema di media education.

L’iscrizione e la frequenza al corso sono gratuite.

Per iscriversi è necessario dare la propria disponibilità sia a frequentare la formazione frontale, sia a sperimentare presso la scuola di appartenenza un progetto di media education che preveda il coinvolgimento attivo dei propri studenti. La domanda di iscrizione deve essere compilata e inviata esclusivamente on-line accedendo all’indirizzo http://fondazioneuniversitaria.it/progetto-mediucation.html. Il termine di scadenza è fissato alle ore 23.59 del 13 novembre 2013.

Per l’occasione i partner del progetto “Mediucation – edizione pilota”, firmeranno un protocollo di intesa per un intenso e costante programma di attività per diffondere all’interno del sistema scolastico dell’Abruzzo la consapevolezza della problematica dell’uso dei media da parte dei minori, la cultura della responsabilità e l’adozione di buone prassi in tema di media education.

Il progetto Mediucation risponde agli obiettivi dell’Agenda Digitale Italiana e del Gruppo di lavoro interministeriale “Competenze digitali”, coordinato dal MIUR, che prevedono azioni di riqualificazione della scuola per rendere l’offerta educativa e formativa coerente con l’evoluzione in senso digitale di tutti gli altri settori della società.

 
CORECOM ABRUZZO: Telefonia, in 18 mesi 3.500 conciliazioni e oltre 1,7 milioni di euro agli abruzzesi grazie al Corecom

corecom teramo

Il Presidente Filippo Lucci: “Siamo un modello nazionale. La cosa di cui siamo più orgogliosi? La soddisfazione dei cittadini”.

 

ABRUZZO. Oltre 3.500 tra famiglie e aziende abruzzesi, negli ultimi 18 mesi – da gennaio 2012 a giugno 2013 – si sono rivolte al Corecom con un problema legato alla telefonia mobile o fissa e sono uscite con la soluzione: indennizzi e bollette annullate per 1 milione 700 mila euro grazie all’istituto della conciliazione gratuita. Le richieste più rilevanti riguardano i problemi sulla migrazione (cioè il passaggio ad un gestore ritenuto più conveniente), la contestazione di importi non dovuti in fattura, il superamento della soglia dei costi per il roaming internazionale legato soprattutto ai periodi di vacanza all’estero, i distacchi di linea ingiustificati e l’attivazione di servizi mai richiesti o problematiche legate alla linea Adsl. C’è chi si ritrova cliente di una compagnia telefonica senza aver mai firmato il contratto e chi scopre collegamenti web di cui non sa nulla. Alcuni cittadini hanno dovuto affrontare un’odissea nel passaggio da un operatore all’altro (e magari aspettare mesi e mesi per poter fare una telefonata), altri si sono accorti che sulla propria linea erano stati attivati servizi mai richiesti. “Al 15 settembre erano arrivate sul tavolo del Corecom – spiega il Presidente Filippo Lucci – 3656 istanze con una crescita, rispetto al 2011, del trenta per cento. Abbiamo registrato oltre 15 mila contatti tra telefonate, mail e posta ordinaria. Indicatori che chiariscono due cose: che il Corecom è sempre più conosciuto ed efficiente e che la litigiosità tra utente e gestore telefonico aumenta. I Corecom oggi in Italia sono diventati un vero punto di riferimento su questo tema ed in particolare il nostro Comitato è ritenuto tra i migliori sia come tempistica che come qualità del servizio. A testimonianza di ciò la visita di una delegazione del Governo Thailandese che è venuta appositamente in Abruzzo per studiare le nostre tecniche. Oggi – conclude Lucci – inauguriamo la nuova sede a Teramo che faciliterà l’espletamento dei tentativi di conciliazione agli utenti di tutta la provincia, spesso scoraggiati dal viaggio per venire nella nostra sede principale di L’Aquila, tanto da arrivare, a volte, ad abbandonare l’istanza. Una sede, tengo a precisare, a costo zero per i cittadini e che arriva dopo il successo di quella di Pescara”.

Presenti all’incontro, in videoconferenza, dalla sede dell’Aquila, anche il Governatore Gianni Chiodi e il presidente del Consiglio regionale Nazario Pagano. “Registro – ha affermato Chiodi – il successo del Corecom Abruzzo. La Pubblica amministrazione ha il compito di facilitare la vita ai cittadini, e puntare sempre più sulla semplificazione burocratica. Il Corecom, come Ente, non rappresenta una novità in sé, la novità è rappresentata dai servizi che offre e dalla sua efficienza. Gli Enti, d’altronde, camminano sulle gambe degli uomini e per questo esprimo soddisfazione per la nomina di Filippo Lucci, che, tra l’altro, è riuscito a scalare i vertici del Corecom nazionale. La Regione Abruzzo, anche grazie al suo lavoro, è riuscita a stare vicina ai cittadini”. “Il Corecom – ha aggiunto Pagano – si occupa di questioni concrete, e ha aperto il terzo ufficio regionale praticamente a costo zero, venendo incontro ai cittadini che non dovranno più percorrere chilometri per dirimere le problematiche legate alla telefonia ed è giusto che sia proprio questo Ente, che lavora nel campo delle comunicazioni, ad inaugurare un servizio utile, innovativo e gratuito. Si tratta di un altro importante traguardo raggiunto. Grazie al Corecom la Regione, che non eroga come Ente dei servizi diretti ai cittadini, può avere un suo front office”. Presente all’incontro anche il presidente dell’associazione dei consumatori “Robin Hood”, Pasquale Di Ferdinando. “L’utilizzo di tecnologie multimediali – ha spiegato – non solo riduce i costi, ma non inficia, come abbiamo avuto modo di verificare, l’efficienza delle conciliazioni, sarebbe auspicabile che anche altri Enti si adeguassero a questo modello”. L’attivazione del servizio di Teramo ha suscitato interesse anche in diversi ambiti amministrativi e politici.

Alfonso Di Sabatino Martina, vicesindaco di Teramo:”Si può esprimere solo compiacimento per l’apertura a Teramo e per gli ottimi risultati del Presidente Lucci che raccoglie in Italia e fuori consensi unanimi, aiutando l’Abruzzo e Teramo nella modernizzazione e aiutando il Cittadino. E’ così che si ottiene la tanto decantata sburocratizzazione e che si offre trasparenza. Il Corecom Abruzzo con la nuova sede per le Conciliazioni di Teramo fa riavvicinare le persone anche all’iidea di buona politica”.

Tommaso Ginoble, parlamentare PD:”Stiamo lavorando alla statizzazione del liceo Braga e con il Rettore dell’Università di Teramo siamo impegnati a creare una rete tra la struttura universitaria e l’Istituto Zooprofilattico. La sede delle Conciliazioni e i risultati impareggiabili ottenuti dal Corecom Abruzzo ci aiutano quindi a restituire corpo alla nostra società abruzzese e a quella teramana, che è a rischio isolamento con la perdita di tante Istituzioni. Il presidente Filippo Lucci è una figura straordinaria ed è l’esempio di come si ottengano risultati utili a tutti quando in un posto c’è la persona giusta”.

Manola Di Pasquale (esponente minoranza Consiglio comunale Teramo):” Quando si sa sfruttare al meglio la normativa insieme con ciò che offrono le nuove tecnologie, si realizzano tutte le potenzialità, a beneficio dell’Ente e dell’intera collettività. Un professionista giovane e capace come il presidente del Corecom, tanto motivato, andrebbe replicato in diversi Enti per far sì che si raggiungano risultati che diventano la crescita di tutti”.

Il Presidente Lucci, che ha ringraziato anche l’intera squadra del Comitato, dei dirigenti e collaboratori, ha precisato che il servizio partirà da ottobre: anche gli utenti che hanno già fissato appuntamenti a L’Aquila o Pescara saranno ricontattati per avere modo di scegliere la sede più vicina dove svolgere le conciliazioni

 
CORECOM ABRUZZO: una delegazione del governo Thailandese per studiare le buone pratiche in materia di conciliazione

foto thailandia

 

 

Soddisfazione del Presidente Filippo Lucci: “Siamo divenuti un modello per le Conciliazioni in telecomunicazione”

 

L’Aquila, 5 luglio 2013 – Si è svolto questa mattina, presso la sede del Co.Re.Com Abruzzo, un importante incontro tra una delegazione dell’Ente Garante per le Comunicazioni Thailandese NBTC (National Broadcasting and Telecommunication Commission) e la struttura del Comitato per le Comunicazioni abruzzese. Oggetto dell’incontro, la gestione delle controversie tra operatori di telecomunicazione ed utenti, materia in cui il Co.Re.Com è divenuto un solido punto di riferimento.

L’Ente Thailandese ha infatti avviato uno studio a livello internazionale sulle “best practices” in tema di conciliazioni ed ha espressamente richiesto di potersi confrontare con le competenze del Co.Re.Com Abruzzo per sviluppare il proprio sistema nel paese d’origine.

Nodo cruciale della discussione sono stati proprio i fattori di successo che consentono di riportare elevate percentuali di positività nelle pratiche istruite dal Co.Re.Com ed i possibili margini di miglioramento rispetto alle metodiche applicate in Thailandia.

L’esperienza maturata dall’intera struttura diretta dalla dottoressa Michela Leacche e coordinata della dottoressa Annalisa Ianni sono state messe a disposizione degli ospiti thailandesi, che hanno potuto esperire tutto l’iter procedurale, assistendo direttamente ad una conciliazione.

Soddisfazione del Presidente Filippo Lucci, il quale afferma: “Sottolineo e ringrazio l’intera struttura. A ragione possiamo ritenerci un modello per le conciliazioni in telecomunicazione. Si è trattato di un’occasione davvero eccezionale per celebrare il lavoro quotidiano con cui il Comitato esprime un servizio gratuito, rapido ed efficiente a favore dei cittadini abruzzesi, garantendone i diritti nell’ambito comunicativo locale.”

Sincero compiacimento è stato espresso anche dai rappresentanti della NBTC, che hanno ringraziato il Co.Re.Com Abruzzo per la disponibilità dimostrata nei loro confronti, non solo nell’illustrare concretamente l’organizzazione del sistema di tutela dei cittadini a livello locale, ma anche nell’intenzione di intrattenere rapporti continuativi futuri, che consentiranno un proficuo scambio biunivoco di esperienze.

“Questo è solamente il prodromo – conclude Lucci – di un percorso di internazionalizzazione della struttura, il prossimo step da compiere per l’ulteriore crescita della stessa. I contatti con l’Ente Thailandese e con altri enti di livello internazionale devono consentire anche a noi di ricevere i feedback per pensare, con una necessaria mentalità aperta, al futuro della comunicazione ed alle sue sempre crescenti potenzialità.”