PAR CONDICIO

In materia di parità di accesso ai mezzi di informazione per la comunicazione politica nelle campagne elettorali e referendarie, sia a livello locale che nazionale, i Corecom hanno il compito di garantire il rispetto del pluralismo e della correttezza dell’informazione da parte delle emittenti radiotelevisive locali e della Testata giornalistica regionale della Rai, così come previsto dalla normativa vigente in materia di par condicio (legge n. 28/2000, come modificata dalla legge n. 313/2003).

I Corecom garantiscono il rispetto delle prescrizioni definite, in occasione di ogni singola tornata elettorale o consultazione referendaria, dalla Commissione parlamentare di vigilanza, nella caso della testata giornalistica regionale della RAI, e dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, per l’emittenza radiotelevisiva locale.

Nei periodi elettorali i Corecom garantiscono, altresì, il rispetto delle norme che regolano la comunicazione istituzionale delle pubbliche amministrazioni e, inoltre, gestiscono la procedura per i messaggi autogestiti gratuiti (Mag) delle forze politiche da trasmettere sulle radio e tv locali.

I Corecom, infine, sono chiamati a garantire il rispetto delle norme sulla parità di accesso delle forze politiche ai mezzi di comunicazioni anche nei periodi non elettorali. Per l’emittenza radiotelevisiva locale, la disciplina di riferimento per tali periodi è contenuta nella delibera dell’AgCom n. 200/00/CSP.