Archive for ottobre, 2015
19.11.15. Corecom Emilia Romagna: “Internet a scuola e nella vita di bambine, bambini e adolescenti. Strumenti operativi per comprendere, educare, prevenire.”

invito19_nov_WEB (2)il programma

invito19_nov_WEB (3)

 
TAVOLO TECNICO DIRIGENTI/SEGRETARI CORECOM – COMUNICATO RESOCONTO RIUNIONI del 22 e 23 ottobre 2015

Il Tavolo tecnico dei Dirigenti/Segretari CoReCom nel corso delle riunioni in oggetto convocate a Roma presso la sede della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali e delle Province Autonome ha esaminato, e successivamente approvato una serie di importanti documenti relativi all’applicazione di normative di comune interesse.
Per quanto concerne le procedure di cui all’art. 1, comma 16, della legge n. 190 del 2012, concernente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella P.A., il Tavolo tecnico, con l’obiettivo di favorire una maggiore uniformità ed oggettività nell’attuazione della legislazione e della normativa vigente in materia di prevenzione della corruzione, e al fine di semplificare l’attività amministrativa dei Servizi Co.Re.Com., nonché di rendere omogenea la conoscenza sui concetti di rischio e di etica, sui modelli e sugli strumenti per la gestione del rischio, ha elaborato un documento ricognitivo dei processi di competenza sussumibili nelle Aree di rischio indicate nell’allegato 2) del Piano Nazionale Anticorruzione relativi ai Servizi/Uffici CoReCom. I primi effetti di questo approccio all’applicazione della legge 190/2012, si avranno quando tutti i Servizi/Uffici CoReCom saranno chiamati, per l’elaborazione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione, ad individuare e ad attivare azioni ponderate e coerenti tra loro, capaci di ridurre la possibilità di comportamenti illeciti in modo uniforme su tutto il territorio nazionale. Il documento, approvato all’unanimità e completo delle schede di valutazione del rischio per ciascuna attività individuata, è stato trasmesso al Direttore della Conferenza delle Assemblee regionali e delle Province Autonome.
Successivamente i componenti del Tavolo tecnico hanno incontrato i rappresentanti AgCom dell’ufficio Rapporti con i CoReCom e della Direzione Contenuti Audiovisivi relativamente alle modifiche da apportare alle linee guida per l’esercizio dell’attività delegata in materia di monitoraggio e vigilanza dell’emittenza locale. Con l’occasione i Coordinatori del Tavolo tecnico, hanno provveduto ad illustrare una proposta – elaborata sulla base di una valutazione comune circa gli attuali criteri adottati dalla maggior parte dei CoReCom – per l’individuazione del campione delle emittenti da monitorare nel corso di ciascun anno. La proposta sarà quindi oggetto – su richiesta dei Coordinatori – di apposita valutazione congiunta con il Coordinamento nazionale dei CoReCom. I rappresentanti AgCom, nel confermare che stanno procedendo ai lavori di revisione delle linee guida, hanno assicurato che una prima bozza di valutazione sarà disponibile entro la prima metà di novembre.
Nel corso dei lavori del 23 ottobre, il Tavolo tecnico ha approvato una nota – inviata al Coordinamento nazionale dei CoReCom – concernente le criticità del nuovo bando per l’assegnazione dei contributi alle emittenti televisive locali ex DM 292/2004, con cui si invitano gli organi competenti a sollecitare il Ministero dello Sviluppo economico ad un chiarimento in merito, prima dell’avvio dell’attività istruttoria, ciò al solo fine di evitare il consueto spreco di risorse e di tempo per la formulazione delle graduatorie, oltre al fondato rischio che le evidenti contraddizioni presenti nel nuovo bando possano sfociare in eventuali ricorsi amministrativi.
Infine i presenti – sentita la relazione dei Coordinatori – hanno approvato il documento di analisi dei contenuti relativamente all’entrata in vigore del D.lgs. 130/2015 che introduce nell’ordinamento italiano – in ottemperanza alla Direttiva Europea 2013/11/UE – le ADR (Alternative Dispute Resolution), ovvero le procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie, tramite l’ausilio di specifici organismi iscritti in appositi elenchi a seguito del rispetto di criteri e requisiti imposti dal decreto. Alla luce di tale importante innovazione normativa, posto che i CoReCom hanno acquisito nel tempo un alto livello di specializzazione e professionalità nell’ambito del procedimento conciliativo e di definizione delle controversie – ex Delibera AgCom 173/07/CONS –, e che dal punto di vista oggettivo questa professionalità è riconosciuta dagli organismi di riferimento e dalla collettività, il Tavolo tecnico è profondamente convinto che il dettato normativo del decreto legislativo 130/2015 sia da considerarsi un’irrinunciabile opportunità di qualificazione, riconoscimento formale e rafforzamento delle competenze acquisite nel corso di questi anni. Conseguentemente, propone agli organismi competenti, di avviare le opportune azioni affinché tutti i CoReCom possano conseguire tale prestigioso obiettivo, per il quale, sin d’ora, il Tavolo tecnico assicura la più ampia collaborazione.

 
TAVOLO TECNICO DIRIGENTI/SEGRETARI CORECOM – COMUNICATO RESOCONTO RIUNIONI del 29 e 30 settembre 2015

CONFERENZA DEI PRESIDENTI DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DELLE
REGIONI E PROVINCE AUTONOME

TAVOLO TECNICO DIRIGENTI/SEGRETARI CORECOM – COMUNICATO RESOCONTO RIUNIONI del 29 e 30 settembre 2015
Il Tavolo tecnico dei Dirigenti/Segretari CoReCom si è riunito in data 29 settembre u.s. a Roma presso la sede dell’AgCom per partecipare ad alcune riunioni che si sono succedute nel corso della giornata. In un primo incontro i rappresentanti delle Strutture operative dei CoReCom si sono confrontati con il Direttore e Vice Direttore della Direzione Tutela del Consumatore e il Dirigente dell’Ufficio Rapporti Corecom/Agcom in ordine ai contenuti del Decreto legislativo 130/2015 (Attuazione della direttiva 2013/11/UE sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori, che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la direttiva 2009/22/CE (direttiva sull’ADR per i consumatori) e per programmare un percorso comune circa una proposta di modifica articolata della Delibera 173/07/CONS (Regolamento sulla risoluzione delle controversie tra utenti ed operatori). Successivamente, sempre in materia di risoluzione delle controversie, nel primo pomeriggio il Tavolo tecnico ha incontrato i rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori maggiormente rappresentative a livello nazionale per fare il punto della situazione circa eventuali problematiche nella trattazione delle istanze che vengono depositate e successivamente istruite dalle strutture amministrative dei CoReCom italiani. L’occasione è stata assai proficua per un’ampia verifica della situazione globale in merito alla tutela del consumatore nella quale le suddette associazioni sono costantemente impegnate e per ribadire come il ruolo di terzietà che i CoReCom assumono nella gestione del procedimento conciliativo in materia di telecomunicazioni, sia una forma di garanzia che non ha eguali in nessun altro settore della Pubblica Amministrazione né in altri organismi di mediazione. Infine nel tardo pomeriggio i Dirigenti dei CoReCom hanno incontrato il Direttore della Direzione Contenuti Audiovisivi dell’AgCom Benedetta Liberatore per illustrare alcune richieste di modifica avanzate dal Tavolo tecnico in particolare per quanto riguarda l’adeguamento delle linee guida in materia di monitoraggio e vigilanza dell’emittenza locale e per auspicare entro breve tempo la realizzazione congiunta di un programma per la formazione/aggiornamento del personale più ravvicinata nel tempo. Al termine della riunione il Tavolo tecnico ha assicurato che entro la prossima riunione verrà predisposto un documento comune per quanto concerne una proposta operativa – utile poi alla revisione delle suddette linee guida – che definisca i criteri per l’individuazione delle emittenti da monitorare basati su valutazioni oggettive e percentuali che prendano in considerazione, oltre al criterio della rotazione o di iscrizione al ROC, anche quello relativo ai soggetti che percepiscono contributi pubblici a sostegno dell’attività televisiva. In tal modo, ai fini del rispetto delle normative vigenti in materia di pubblicità, tutela dei minori, pluralismo politico e obblighi di programmazione, le emittenti locali saranno monitorate tramite l’individuazione di un campione selezionato in materia più accurata e maggiormente rappresentativo delle varie possibili categorie rispetto al semplice numero totale per ogni Regione.
In data 30 settembre si è quindi svolta la riunione del Tavolo tecnico con all’ordine del giorno oltre alle comunicazioni dei Coordinatori Ciavattone e Carnevale, l’audizione dell’avv. Raffaella Tondi Direttore Customer e Business Litigation di H3G SpA, le proposte di modifiche alla delibera AgCom 173/07/CONS e l’aggiornamento sul documento del Tavolo tecnico in data 16.7.2015 concernente le disposizioni legislative in materia di anticorruzione. In merito all’audizione è stata espressa in generale la soddisfazione reciproca dei presenti per come H3G gestisce in conciliazione e in definizione le istanze presentate dagli utenti facendo presente – ove necessario – quali possibili aggiustamenti procedurali potrebbero essere utili per assicurare un miglioramento finalizzato a incrementare i già ottimi risultati in materia di risoluzione del contenzioso. Successivamente è stata avviata una prima ricognizione circa la proposta congiunta di modifiche alla delibera AgCom 173/07/CONS; entro la metà di ottobre tutte le Strutture operative saranno chiamate a indicare le loro eventuali/ulteriori proposte al fine di redigere un documento da trasmettere alla competente Direzione dell’Autorità. Infine Nicola Princi, coordinatore del gruppo di lavoro per la predisposizione del documento in materia di individuazione dei possibili procedimenti in capo ai CoReCom soggetti alle disposizioni legislative sull’anticorruzione, ha relazionato sul lavoro svolto assicurando che nel corso della prossima riunione sarà presentato il documento definitivo contenente anche le schede di analisi e dettaglio delle attività individuate in precedenza dal Tavolo tecnico. Al termine di tale lavoro si procederà con il confronto già in precedenza avviato con i rappresentanti della Conferenza delle Assemblee regionali per l’inserimento delle suddette attività nell’ambito dei singoli piani anticorruzione dei Consigli regionali.
Le prossime riunioni sono fissate in data 22/23 ottobre 2015.

Roma, 30.9.2015