PROGETTI
Consiglio e Giunta regionale del Piemonte: un modello di collaborazione al servizio dei cittadini

 

Venerdì 20 febbraio 2015 – ore 11.00
Consiglio regionale del Piemonte
Palazzo Lascaris, Sala Viglione, Via Alfieri, 15

Programma della Conferenza Stampa

Il Co.Re.Com. è stato istituto presso il Consiglio regionale del Piemonte con la legge regionale 1/2001. Oltre ad assicurare, a livello territoriale, le necessarie funzioni di governo, di garanzia e di controllo in tema di comunicazioni, il Co.Re.Com. è investito di funzioni proprie, assegnate dalla legislazione statale e regionale, ed esercita funzioni delegate dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

L’appuntamento del 20 febbraio ha lo scopo di far conoscere ai media ed ai cittadini i risultati ottenuti nel 2014 e gli obiettivi per il 2015 del Co.Re.Com. Piemonte.

Particolarmente significativa è l’attivazione della collaborazione tra Co.Re.Com. e gli U.R.P. regionali siti nei capoluoghi di provincia per lo svolgimento delle udienze di conciliazione in video conferenza al fine di potenziare ulteriormente le possibilità di accesso al servizio da parte degli utenti.

Nell’ambito della conferenza stampa verrà sottoscritto il Protocollo d’Intesa per la gestione integrata di servizi al cittadino che rappresenta un modello di collaborazione fra strutture del Consiglio e della Giunta regionale del Piemonte.

Tra le iniziative da promuovere con particolare impegno, si segnalano quelle volte alla sensibilizzazione sul tema del consumo consapevole, critico e responsabile della lotta agli sprechi alimentari tema, quest’ultimo, che assumerà rilevanza centrale nel contesto di Expo 2015.

 

 
Corecom Toscana: logo ufficiale dell’Osservatorio Internet@minori e premiazione dei migliori spot sul tema del lavoro.

Gli otto migliori spot televisivi e radiofonici sul tema del lavoro e il logo ufficiale dell’Osservatorio Internet@minori sono stati presentati, ieri mattina, in Consiglio regionale. I vincitori hanno partecipato rispettivamente a due bandi: “Toscana in spot. 2014: comunicare il lavoro” e “Un logo per l’Osservatorio”. “Due iniziative – ha detto il presidente del Corecom, Sandro Vannini – a favore dei giovani. Abbiamo premiato un video che dà speranza a chi è intraprendente nella ricerca di un lavoro. Per il logo ha vinto Michele Adami, un giovane veronese che ha saputo trasmettere, con pochi tratti grafici e immediatezza comunicativa, il pericolo della rete per i minori”.
Il bando “Toscana in spot. 2014: comunicare il lavoro” chiedeva la realizzazione di spot che sensibilizzassero la società toscana sulle difficoltà che giovani e meno giovani incontrano nel mondo del lavoro e su soluzioni creative nel proporre nuove occupazioni e opportunità.
Francesco Faralli di Civitella in Val di Chiana (Ar), Michele Silvestri di Livorno e Juri Guerranti di Siena sono i video maker che si sono classificati al primo, secondo e terzo posto per la realizzazione del miglior spot televisivo mentre Elisa Girletti e Valerio Ramacciotti di Porcari (Lu) e Niccolò Di Vito di Firenze sono i primi tre classificati per lo spot radiofonico. Gli spot sono stati valutati per efficacia comunicativa, originalità del soggetto e qualità tecnica e registica. Premi speciali sono andati poi ai migliori spot realizzati da giovani under 35: Niccolò Di Vito (spot televisivo) e Juri Guerranti (spot radiofonico).
Il bando “Un logo per l’Osservatorio” chiedeva, invece, la creazione del logo che costituirà il simbolo di tutte le iniziative sul rapporto tra minori e nuovi media, realizzate dall’Osservatorio Internet@minori. L’Osservatorio si è costituito recentemente grazie alla collaborazione tra Corecom della Toscana, Istituto degli Innocenti, Coordinamento dei Corecom italiani e Agcom. “La maggior parte dei reati che riguarda i minori – ha detto il consigliere del Corecom Maurizio Zingoni – nasce dalla rete. Lo scopo di questa iniziativa è comunicare ai giovani che il miglior antivirus è il cervello”.

 
CORECOM ABRUZZO: stipulato protocollo per il progetto “MEDIUCATION” per l’uso dei media nel sistema scolastico regionale

IMG-20131030-WA0005

 

Teramo, 30 ottobre 2013 ‒ Il rettore dell’ Università degli Studi di Teramo Luciano D’Amico, il presidente della Fondazione Università degli Studi di Teramo Francesco Benigno, il presidente Corecom nazionale Filippo Lucci, il responsabile del progetto Manuel De Nicola, il dirigente generale dell’Ufficio scolastico regionale dell’Abruzzo Ernesto Pellecchia e il delegato del Rettore dell’Università di Chieti-Pescara Giselda Antonelli presentano questa mattina un corso di formazione rivolto ai docenti delle scuole abruzzesi di ogni ordine e grado, finalizzato a sollevare la problematica dell’uso dei media all’interno del sistema scolastico abruzzese.

Il Corso è la prima iniziativa del progetto “Mediucation – edizione pilota”, promosso e finanziato dal Corecom Abruzzo e realizzato dalla Fondazione Università degli Studi di Teramo in partenariato con l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Abruzzo, l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara e l’Università degli Studi di Teramo.

Il corso si pone l’obiettivo di trasferire conoscenze e sperimentare strategie e strumenti operativi per la media education, per diffondere nel sistema scolastico abruzzese la necessaria consapevolezza sugli effetti dell’uso dei media da parte dei minori e per far emergere e valorizzare le buone prassi già sperimentate nel sistema scolastico regionale in tema di media education.

L’iscrizione e la frequenza al corso sono gratuite.

Per iscriversi è necessario dare la propria disponibilità sia a frequentare la formazione frontale, sia a sperimentare presso la scuola di appartenenza un progetto di media education che preveda il coinvolgimento attivo dei propri studenti. La domanda di iscrizione deve essere compilata e inviata esclusivamente on-line accedendo all’indirizzo http://fondazioneuniversitaria.it/progetto-mediucation.html. Il termine di scadenza è fissato alle ore 23.59 del 13 novembre 2013.

Per l’occasione i partner del progetto “Mediucation – edizione pilota”, firmeranno un protocollo di intesa per un intenso e costante programma di attività per diffondere all’interno del sistema scolastico dell’Abruzzo la consapevolezza della problematica dell’uso dei media da parte dei minori, la cultura della responsabilità e l’adozione di buone prassi in tema di media education.

Il progetto Mediucation risponde agli obiettivi dell’Agenda Digitale Italiana e del Gruppo di lavoro interministeriale “Competenze digitali”, coordinato dal MIUR, che prevedono azioni di riqualificazione della scuola per rendere l’offerta educativa e formativa coerente con l’evoluzione in senso digitale di tutti gli altri settori della società.